Home »

 
 

Statuto

 

ATTIVITÀ »

Abbonamento scontato a “History of Political Economy” per i soci AISPE

AISPE è lieta di annunciare che la Duke University Press offre ai suoi soci abbonamenti scontati a History of Political Economy, al prezzo di 70 dollari per i soci...

 

Call per Borsa di Ricerca AISPE, co-sponsorizzata da Banca d’Italia. Scadenza: 15 settembre 2024

AISPE invita a presentare candidature per iniziative di ricerca per studiosi a inizio carriera. Le candidature sono aperte solo ai soci AISPE. Per borsisti a inizio...

 

Call per Premi AISPE 2024
Scadenza: 31 maggio 2024

AISPE invita a presentare candidature per i Premi che saranno annunciati in occasione della prossima Conferenza AISPE, che si terrà il 3-5 ottobre 2024, a Roma,...

 

Presentazione dei nuovi volumi dei soci AISPE

AISPE ha il piacere di annunciare la terza serie delle presentazioni dei nuovi volumi dei soci. Il calendario è disponibile qui. Presentazione Baranzini-Besomi Presentazione...

 

Il PRIN “The Economic Thought of Italian Women (1750-1999)” è stato finanziato

Il PRIN The Economic Thought of Italian Women (1750-1999): Methodological Issues, Ideas, Impact, International Connections, a Census and an Online Database è...

 

Call 2024: Towards a Global History of Economic Thought

Nella prima serie annuale di webinar sulla Storia Globale del Pensiero Economico, abbiamo cercato di esplorare l’Europa nel suo insieme, piuttosto che come...

 

Call per Stage curriculari nell’ambito del PRIN “LexEcon. The international research network on economics lexicon”

Il Dipartimento di Economia e Management dell’Università di Pisa, in collaborazione con il Centro Interuniversitario di documentazione sul Pensiero Economico...

 
Le donne e l’economia in Italia (1750-1950)

Le donne e l’economia in Italia (1750-1950)

AISPE promuove un lavoro di ricognizione ed analisi sulle donne italiane che nella storia hanno trattato temi economici non soltanto nelle accademie, nelle istituzioni...

 

“Ri-pensare l’economia”. Videolezioni SPE per le scuole secondarie

AISPE invita gli studiosi e le studiose a partecipare all’iniziativa con video-lezioni autoprodotte sui temi della Storia del Pensiero Economico, scegliendo...

 
 

ASSOCIAZIONE ITALIANA
PER LA STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO (AISPE)

STATUTO

Art. 1 – L’Associazione Italiana per la Storia del Pensiero Economico (AISPE) ha sede nel luogo dove risiede il Presidente.

Art. 2 – L’Associazione, che non ha fini di lucro, promuove la circolazione delle idee e l’attività di studio e di ricerca nel campo della Storia del Pensiero Economico.
L’Associazione persegue questi obiettivi promuovendo la conoscenza e la discussione tra i suoi membri e con gli studiosi di discipline connesse, stimolando ricerche, incoraggiando la pubblicazione di studi scientifici, organizzando riunioni, convegni scientifici, e attività a sostegno di giovani studiosi (come premi, seminari, ecc.).
L’Associazione può costituire al suo interno delle sezioni.

Art. 3 – L’Associazione istituisce rapporti con Associazioni nazionali e con Associazioni estere e internazionali che abbiano scopi analoghi a quelli dell’Associazione.

Art. 4 – Il patrimonio dell’Associazione è costituito da quote sociali e da eventuali elargizioni effettuate
da Enti o persone fisiche.

Art. 5 – I membri si dividono in soci ordinari, collettivi e onorari.

Art. 6 – Sono soci ordinari di diritto, su loro richiesta scritta, i professori, i ricercatori universitari delle discipline comprese nei gruppi concorsuali di storia del pensiero economico, economia politica, storia economica, nonché i dottori di ricerca in storia del pensiero economico e tutti coloro che, essendo stati titolari di assegni di ricerca, abbiano portato a termine progetti di ricerca in storia del pensiero economico, nonché i cultori della materia. Sono altresì soci ordinari di diritto, su loro richiesta scritta, i professori di ruolo, fuori ruolo e in pensione, ordinari, straordinari e associati che negli ultimi 10 anni siano stati titolari per almeno tre anni dell’insegnamento delle discipline di cui al primo comma.
L’elenco delle discipline in questione può essere rivisto dall’Assemblea dei soci. Su domanda, previa proposta di almeno tre soci ordinari e con l’approvazione della maggioranza dei votanti, divengono soci ordinari quegli studiosi italiani e stranieri i quali, pur svolgendo prevalentemente attività di ricerca in ambiti disciplinari diversi da quelli specificati al primo comma, abbiano apportato contributi di rilievo scientifico alla storia del pensiero economico.
Su domanda, e previo consenso del Consiglio Direttivo, sono soci collettivi gli Istituti, gli Enti o i Centri
di ricerca interessati agli studi di storia del pensiero economico.
I soci ordinari, di diritto e ammessi, partecipano con diritto di voto all’Assemblea dell’Associazione.
I soci collettivi vi partecipano ugualmente con un loro rappresentante senza diritto di voto.
I soci onorari sono nominati – fino a un massimo di 5 (cinque) e secondo le modalità previste dall’art. 11, comma 2 del presente Statuto – dall’Assemblea dei soci, su proposta del Consiglio Direttivo.
I soci onorari fanno parte dell’elettorato attivo, ma non possono far parte dell’elettorato passivo.

Art 7 – Tutti i membri dell’Associazione – ad eccezione dei soci onorari – sono tenuti al pagamento della quota sociale, che viene periodicamente stabilita per i soci ordinari e quelli collettivi dall’Assemblea ordinaria dei soci.

Art. 8 – I membri possono decadere dall’Associazione per morosità, per dimissioni, o per palese violazione del Codice di condotta, secondo la valutazione dell’Assemblea su indicazione del Consiglio Direttivo.
Decadono per morosità i soci che non abbiano pagato, alla data del 31 dicembre, la quota sociale dell’anno di riferimento.

Art. 9 – Organi dell’Associazione sono: l’Assemblea dei soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Segretario, il Collegio dei Revisori dei Conti.
È ammessa la possibilità che le riunioni, sia dell’Assemblea sia del Consiglio Direttivo sia del Collegio dei Revisori si tengano per video/audio conferenza, a condizione che tutti i partecipanti possano essere identificati e sia loro consentito di seguire la discussione, di intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti affrontati e di ricevere, trasmettere o visionare documenti, e sia consentito al soggetto verbalizzante di percepire adeguatamente gli eventi oggetto di verbalizzazione; verificandosi tali presupposti, la riunione si considera tenuta nel luogo in cui è stata convocata.

Art. 10 – L’Assemblea dei soci è costituita dai soci onorari e da tutti i soci ordinari e collettivi che siano in regola con il pagamento delle quote sociali. Di norma l’Assemblea si riunisce in adunanza ordinaria una volta all’anno e in adunanza straordinaria ogni qualvolta lo richiedano al Presidente almeno tre membri del Consiglio Direttivo o, per iscritto, almeno un terzo dei soci.

Art. 11 – L’Assemblea ordinaria approva il bilancio ad essa sottoposto con propria relazione dal Consiglio Direttivo, unitamente alla relazione del Collegio dei Revisori. Delibera altresì su tutte le altre materie di sua competenza a norma di legge e del presente Statuto (tra cui l’ammissione dei soci ordinari e onorari e la nomina delle cariche sociali) e sulle questioni ad essa sottoposte dal Consiglio Direttivo.
L’Assemblea è convocata dal Presidente dell’Associazione con avviso contenente l’ordine del giorno e l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora della riunione portata a conoscenza dei soci almeno venti giorni prima, secondo modalità stabilite dal Presidente.

Art. 12 – Le adunanze dell’Assemblea sono valide qualunque sia il numero dei presenti. Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei voti validamente espressi (inclusi gli astenuti) salvo quanto disposto dall’art. 22.
L’elezione alle cariche sociali avviene per voto nominativo senza possibilità di delega.
La votazione per l’elezione alle cariche sociali può essere svolta anche online.

Art. 13 – Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, da cinque Consiglieri e dal Segretario.
Il Consiglio Direttivo può eleggere al proprio interno, fra i cinque Consiglieri, un Vicepresidente.
Il Presidente, i Consiglieri e il Segretario non possono durare nella loro carica per oltre due mandati
consecutivi, ciascuno di durata triennale.

Art. 14 – Il Collegio dei revisori è composto da due membri effettivi. Essi durano in carica per un mandato e sono rieleggibili. Il Collegio dei Revisori ha per compito la sorveglianza continua sulla gestione economica e finanziaria dell’Associazione e deve accompagnare i bilanci annuali con propria relazione all’Assemblea ordinaria, esprimendo il proprio parere in merito.

Art. 15 – I componenti del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori sono eletti dall’Assemblea a scrutinio segreto, anche utilizzando apposita piattaforma che garantisce l’anonimato.
Per l’elezione del Presidente, del Segretario e dei Revisori dei Conti può essere espressa una sola preferenza, mentre per quella dei Consiglieri le preferenze esprimibili sono tre.

Art. 16 – Qualora un componente del Consiglio Direttivo si dimetta o sia impedito a partecipare per oltre quattro riunioni consecutive decade e il Consiglio Direttivo lo sostituisce con il primo dei non eletti.

Art. 17 – Spetta al Consiglio Direttivo fissare i criteri dell’attività dell’Associazione e provvedere alla sua amministrazione per il miglior raggiungimento dei suoi scopi.
Il Consiglio Direttivo delibera validamente a maggioranza assoluta. In caso di parità nelle votazioni si adotta la deliberazione alla quale aderisce il Presidente.
Il Consiglio Direttivo provvede annualmente alla formazione del bilancio e alla sua presentazione all’Assemblea dei soci, corredandolo con apposita relazione, nella quale dà conto delle iniziative assunte per il raggiungimento degli scopi dell’Associazione e dei risultati della gestione.

Art. 18 – Il Presidente dell’Associazione ha la firma e la rappresentanza legale dell’Associazione di fronte ai terzi e in giudizio, con facoltà di conferire procure.

Art. 19 – Il Segretario provvede ad eseguire le deliberazioni del Consiglio Direttivo e sovrintende all’espletamento di tutte le funzioni dell’Associazione.
Il Segretario ha la facoltà di firma per l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo, nonché per quanto occorre per l’ordinaria amministrazione, ivi compresa l’apertura e la gestione di conti correnti bancari e postali.
Il Consiglio Direttivo definisce i limiti di spesa per l’ordinaria amministrazione delegando ad essa il Segretario. Inoltre il Consiglio Direttivo delibera sulle altre spese dell’AISPE e sui compensi dovuti a terzi per prestazioni effettuate a favore della medesima.

Art. 20 – Con frequenza almeno biennale il consiglio Direttivo organizza il Convegno scientifico dell’AISPE. Ad esso possono partecipare i soci ordinari e collettivi e, invitati dal comitato organizzatore, persone e rappresentanti di Enti non facenti parte dell’AISPE.

Art. 21 – I delegati dell’AISPE nelle Associazioni internazionali e alle riunioni scientifiche internazionali sono designati dal Consiglio Direttivo.

Art. 22 – Ogni modificazione dello Statuto deve essere proposta dal Consiglio Direttivo o richiesta da almeno un terzo dei soci ordinari. In ogni caso, essa deve essere discussa dall’Assemblea e deve essere approvata con la maggioranza assoluta dei voti. Le modifiche di Statuto che riguardano gli organi dell’AISPE devono essere approvate da almeno due terzi dei voti.

 

 

Prossimi eventi »

Presentazione del volume “L’automa e la veste da ballo. Genesi e critica del neoricardismo” di Luca Timponelli

Presentazione del volume “L’automa e la veste da ballo. Genesi e critica del neoricardismo” di Luca Timponelli

Luca Timponelli e Rodolfo Signorino presentano il volume L’automa e la veste da ballo. Genesi e critica del neoricardismo di Luca Timponelli. L’evento si...

 

Sostegno finanziario di AISPE a partecipanti a Summer School
Scadenza: 31 luglio 2024

AISPE mette a disposizione fino a 500 euro come rimborso viaggio/alloggio per due giovani studiosi accettati per una Summer School in Storia del Pensiero Economico...

 

AISPE presenta la sessione “Interpretative paradigms on the labor market in 19 th century” alla 20° Conferenza Internazionale dell’Associazione Charles Gide. 20-22 giugno 2024

Tra il 20 e il 22 giugno 2024,  presso l’Università di Sciences Po di Bordeaux,  si terrà la 20° Conferenza Internazionale dell’Associazione Charles...

 

AISPE presenterà la sessione “Debates on welfare state” alla 27° Conferenza ESHET. 9-11 maggio 2024

Tra il 9 e l’11 maggio 2024,  presso l’Università di Graz (Austria),  si terrà la 27° Conferenza ESHET, sul tema Economics and Policy-Making: From...

 

Call per “Colloquia doctoralia”. Scadenza: 15 aprile 2024

Il termine per la presentazione dell’ammissione ai Colloquia Doctoralia 2024 è esteso al 15 aprile. Di seguito si riportano le regole per l’ammissione:   Un...

 

Call for proposals per XVII Convegno AISPE “Regional Economic Integration and Multilateralism in Historical Perspective” (Università Roma Tre, 3-5 ottobre 2024). Scadenza estesa: 15 aprile 2024

La scadenza della call for paper per il XVII Convegno AISPE, che si terrà presso l’Università Roma Tre, tra il 3 e il 5 ottobre 2024, è estesa al 15 aprile...